Forum ufficiale della FIPL, Federazione Italiana Powerlifting
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Across the English Channel

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mer Apr 16, 2014 9:57 am

ok ragazzi, tra poche ore si parte.  Cool 
Ci sentiremo al ritorno con dovizia di particolari.
 bounce 

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Lun Apr 28, 2014 11:49 am




Aggiorno il diario e racconto l'epilogo del mondiale in terra inglese con notevole ritardo ma gli ultimi 10 gg. sono stati veramente impegnativi, prima per il rientro dalla trasferta dopo la gara di Sara che seguiva la mia, poi per le festività pasquali ed infine per il coincidere con gli Assoluti di powerlifting disputatisi a Senigallia - anzi, a Marotta Mondolfo - che vedevano impegnata parte della mia squadra, com me chiaramente al seguito, da giovedì 24 aprile quando sono partito fino al rientro avvenuto la scorsa notte.

Riprendo adesso il filo del discorso interrotto e torno indietro ai giorni del mondiale master di bench press.
Partiamo mercoledì 16 alla volta di Newcastle, via Parigi, con un volo ad orario successivo rispetto a quello a suo tempo prenotato, poiché questo era stato annullato e noi trasferiti d'ufficio alla prima coincidenza disponibile.
In aggiunta a ciò, proprio a Parigi si registra un ulteriore ritardo di circa un'ora del decollo per non meglio precisati motivi di accavallamenti e combinazioni imprevisti.
Tutto questo comporta il nostro arrivo all'hotel prenotato - un albergo molto bello ma disperso nella campagna inglese racchiusa da due autostrade - in serata molto tarda e, con grande rammarico, a cucina del ristorante chiusa.
Per somma di casualità e per evidenti problemi organizzativi, alla direzione dell'hotel non risulta la prenotazione della squadra italiana in quella sede, per cui si è costretti ad un giro di telefonate tra i nostri accompagnatori federali, la federazione internazionale e l'organizzazione locale per dipanare la matassa.
Risolto apparentemente il disguido e costretti come bambini capricciosi ad andare a letto senza cena,  Razz   mi accontento di una barretta che avevo nella borsa e di un tè caldo nella stanza finalmente consegnata.
Il problema in effetti è maggiore per me, che devo pesarmi alle 9.00 della mattina successiva, piuttosto che per i miei compagni di squadra che hanno la gara prevista per il venerdì 18.
Abituato ad assuefarmi agli imprevisti  sono comunque tranquillo fino al risveglio quando mi rendo conto che la matassa non si era del tutto sbrogliata in quanto il breakfast, che avrebbe dovuto esser compreso con il pernotto, non risultava in realtà associato alle nostre nuove stanze.
In definitiva il tempo necessario per risolvere anche questo problema mattutino, che come tale non si sarebbe più presentato nei giorni successivi, mi costringeva a recarmi comunque alle operazioni di peso digiuno dal pomeriggio precedente, così da....poter tranquillamente rientrare in categoria.   rock 


Diciamo che l'approccio non era stato dei migliori ed il famoso aplomb britannico risultava fin troppo flemmatico.  Sleep 
Mi sento bene e procedo al consueto warm up, dando una curiosa occhiata alle entrate in gara degli altri concorrenti - non appena ufficializzate - che erano state dichiarate al peso.
Con un certo stupore mi accorgo che, nel mentre l'atleta giapponese e quello olandese hanno confermato degli ingressi compatibili con i carichi in loro possesso e dichiarati nelle nominations d'iscrizione, il francese si tiene al contrario molto al di sotto.
Pur trattandosi di un atleta che in passato ha sollevato fino a 170kg. nella categoria -74 ora, sceso nella -66kg., parte con dei modesti 135kg.  Surprised  : il particolare appare strano in quanto si poteva prevedere un decremento dei carichi con discesa di categoria ma, sinceramente, quella partenza è in ogni caso molto bassa per gli standard abituali.
Mi tengo prudente con 142.5kg. di entrata e lascio che il primo round renda un'idea più precisa delle effettive chance di ciascuno.
Il giapponese, forse per connotazione storica, rischia il kamikaze e va nullo con la prima prova, l'olandese da esperto campione europeo in carica è un regolarista e non sbaglia i suoi 165kg. abituali, io ed il francese entriamo secondo pronostico: al momento sarei 2° ma so bene che almeno per il giapponese si tratta solo di una falsa partenza.
Difatti tutto si complica:  Sad  il francese, come preventivabile dopo un'entrata così coperta, salta di 10kg. fino a 145kg; dal canto mio so che è più pesante di me e che dunque deve superarmi, non potendosi permettere di  arrivare pari: chiamo in seconda 147.5 convinto di costringerlo ad andare in terza a 150kg., aumentando così le possibilità che possa fallire; il giapponese intanto cambia maglia.
L'atleta francese solleva 145kg. ma appare quasi al limite e, presumendo l'esito positivo della mia prova che segue a ruota, deve giocoforza chiedere 150kg. in terza; a me non resterebbe dunque che alzare i 147.5 per assistere poi all'evolversi delle terze prove ed eventualmente ....ai rispettivi fallimenti.  Twisted Evil 
Vado in pedana piuttosto tranquillo e parto bene sia in eccentrica che dal petto; dopo lo slancio guidato della maglia, la spinta va ad esaurirsi perchè lo stress del viaggio ed i disguidi logistici mi hanno senza dubbio appannato; chiudo con una certa lentezza e capisco che non ho molto di più da dare ma probabilmente non serve...o almeno così pensavo.
L'amara sorpresa è invece in agguato: 2 luci rosse ed 1 bianca, prova nulla con verdetto non unanime a 2/3.  Shocked 
Mi guardo e cerco una motivazione del fallo ma i cartelli non si alzano; mi spiegheranno in seguito che, per un ennesimo disguido della regia britannica, in questa overture della manifestazione non erano stati predisposti: arriveranno per la gara successiva ma momentaneamente dovevamo accontentarci delle luci e di qualche spiegazione orale; dopotutto, è la ben poca convincente spiegazione, è problema comune per tutti gli atleti master delle categorie -59 -66....insomma non c'è sperequazione.  scratch 
Partono le ipotesi sul fallo: non ho chiuso del tutto un gomito (ma i più lo escludono), il bilanciere è lievemente sceso da una delle due parti nel lockout finale oppure un piede si è sollevato esternamente e ciò spiegherebbe la luce bianca dell'altro laterale.
Alla fine dei giochi non ho altra chance che ripetere però, questa volta, è lui a trovarsi in vantaggio con 145kg. all'attivo e 150 chiamati, mentre io sono a 142.5 e devo ripetere i 147.5kg.
Gli altri due atleti fanno corsa a se: il giapponese rientra in gioco con il valido in seconda e vincerà la gara in terza, l'olandese fallisce sia la seconda che la terza prova ma rimane saldo al secondo posto con i 165kg. iniziali. Dopo di me e dell'atleta francese, invece, l'inglese è troppo lontano per lottare per il podio.

Cambio assetto nel dubbio che possa essere utile, estremizzo l'arco mentre divergo leggermente i piedi: parto sparato come un fulmine al "press" ma il bilanciere si arresta, torna indietro e risale poi si blocca di nuovo ma non ho più benzina; il francese nel frattempo fallisce effettivamente i 150kg. però ormai non serve più: resta a 145kg. ed è medaglia di bronzo.
Mi sarebbe bastato partire proprio con quel carico (145kg.) come nelle intenzioni originarie o passarci in seconda prova per salire sul podio, grazie ai coefficienti wilks a parità di peso sollevato ma le chiacchiere stanno a zero: ero convinto fossero necessari i 147.5kg. per costringerlo a superarmi e fallire (e d'altra parte non ho la controprova che l'avversario non sarebbe riuscito a chiudere 2,5kg. in meno) ed ero fermamente convinto di averli: forse non era proprio così e, comunque,... non erano altrettanti convinti i giudici.   Cool 

Torno con un 4° posto per il quale alla vigilia avrei firmato, date le referenze dei 3 avversari con i quali avrei dovuto misurarmi ma che lascia l'amaro in bocca per l'inaspettato evolversi degli eventi e per l'esiguo margine finale.
Le gare e, più in generale, lo sport agonistico sono così e bisogna rispettare ed accettare i verdetti anche perchè, tutto sommato, tale aspetto racchiude proprio il fascino esaltante ed al tempo stesso crudele del confronto e della competizione, sia che essa evolva poi a favore oppure contro.

Il giorno successivo Donna Sara, con una splendida gara che faceva registrare nelle tre prove, in successione, kg. 87.5/ 92.5/ 95 NO, conquistava la medaglia d'oro nella categoria Master III femminile -72kg., compensando in tal modo con un successo da coach quello che avevo inopinatamente mancato da atleta.
Questa però è un'altra storia e la trovate in sezione "Meets and events" nel 3d appositamente dedicato.  bom 


Un abbraccio a tutti   thanku

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
berserk

avatar

Messaggi : 1072
Data d'iscrizione : 05.06.11
Età : 40
Località : Frosinone

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Apr 29, 2014 8:48 am

complimenti davvero!! un quarto posto non da tutti  Cool 
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
claudius

avatar

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 09.12.11
Età : 49
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Apr 29, 2014 9:10 am

Mister sei sempre un GRANDE!!!! Complimenti  cheers cheers cheers
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Apr 29, 2014 9:56 am

berserk ha scritto:
complimenti davvero!! un quarto posto non da tutti  Cool 

claudius ha scritto:
Mister sei sempre un GRANDE!!!! Complimenti  cheers cheers cheers



grazie ragazzi. Very Happy  

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
oracle24

avatar

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 10.10.13
Età : 26
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mer Apr 30, 2014 3:50 pm

complimenti per la gara  Exclamation  dal racconto sembra sia stata avvincente.

Hai fatto qualche foto della manifestazione?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Gio Mag 29, 2014 10:02 am




Sul forum non l'avevo ancora ufficializzato ma i miei ragazzi lo sanno da tempo: ho deciso di partecipare pure al Trofeo Bertoletti.  Very Happy 
Tornato dall'Inghilterra mancavano meno di due mesi e sarebbe stato un peccato non disputarlo anche in previsione di eventuali competizioni internazionali future (in realtà nel 2015 non ne ho in programma ma non si può mai sapere).  Question 

Come noto - o forse non proprio a tutti - la FIPL fissa delle cosiddette regole non scritte (cioè non tali da assurgere a materia normativa) ma egualmente vincolanti per la partecipazione alle gare internazionali: gli atleti che aspirano a prendere parte ad una competizione internazionale nella gara completa di pl devono aver partecipato ai Campionati Nazionali Assoluti ed alla Coppa Italia immediatamente precedenti, così pure chi desidera partecipare ad un contest internazionale di bench press deve partecipare alle due gare nazionali di specialità che lo precedono, ossia Trofeo Bertoletti e Campionato Italiano (in questo ordine o in quello inverso, dipende dalla collocazione della gara internazionale).
Tale "conditio" è stata stabilita per impegnare l'atleta a partecipare alle gare nazionali come logica attività prodromica, sia tecnica (qualificazione) che morale, per meritare la convocazione conseguente.

Data questa premessa, confesso però che ormai non è tanto il miraggio di un Europeo o un Mondiale ad influenzare le mie scelte di atleta stagionato,  Rolling Eyes  tuttavia trattandosi di una competizione ravvicinata alla quale avrei comunque preso parte come coach di altri 4 atleti (di cui 2 esordienti in FIPL, uno per la gara completa e l'altro in assoluto), a preparazione ormai avanzata ed a notevole distanza da quella che sarebbe poi stata l'occasione successiva di fine anno, avrei avuto senza dubbio rimorsi a posteriori a non scendere in pedana.  Cool 

Così, rimboccatomi i polsini (ma perchè i polsini si rimboccano?  scratch  ) e trascorsi 6 gg. di scarico dal contest britannico, ho tosto ripreso con un mesociclo di mantenimento, sempre in 3xweek, al cui interno collocare peraltro non più di 5 sessioni geared.
L'evolversi delle sedute ha seguito un protocollo piuttosto standard, simile ad altri utilizzati in anni scorsi ed in situazioni analoghe, che comunque vi descriverò sommariamente nel post che seguirà.
Complessivamente mi considero moderatamente stanco ma in ogni caso convinto e cazzuto  bounce , benché altrettanto consapevole di non poter andare oltre le prestazioni già acquisite e consolidate.

Sarò a Bolzaneto (GE) a partire da venerdì 13 giugno, a disposizione della Federazione per un eventuale arbitraggio poi, pur arbitrando ancora, seguirò i miei atleti il pomeriggio del sabato, nel corso del quale avrò in pedana due massicci over 93kg. (uno di essi... molto over  Surprised  ) per la gara completa ed infine domenica - giorno che è stato dedicato alla bench press - cercherò di onorare al meglio la pedana inserito nell'ultimo gruppo, in una complicata logistica con il gruppo che precede dove pure gareggerà Alessio/Iaio, costretti così entrambi ad un'alternanza di vestizioni, spotteraggio ed assistenza reciproca.

Tant'è, comunque vada, ci divertiremo.  cheers 

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Ven Giu 06, 2014 9:17 am




Come preannunciato nel post precedente, descrivo il protocollo di workouts seguito in questo mese e mezzo successivo al mondiale master di bench press e rivolto alla  "Coppa Bertoletti".

- Ultima competizione: 17 aprile,
- ripresa allenamenti: 23 aprile,
- periodo considerato: 8 settimane (7 + scarico),
- frequenza: 3xweek (tranne 1^ e 8^ settimana in 2xweek)
- sedute con "gear": 4
- sedute raw: 20/21 comprese 3 sessioni con il gear (equipped + raw).


Sessione A)  

1°)  3x3x100 + 3x5x90kg.,
2°)  3x3x102.5 + 5x5x90kg.,
3°)  3x3x105 + 5x5x90kg.,
4°)  3x3x105 + 5x5x92.5kg.,
5°)  1x4x100 + 3x3x105/107.5 + 4x5x95kg.,
6°)  1x4x100 + 3x3x107.5/110/112.5 + 5x5x95kg.,
7°)  3x2x115 + 7x4x100kg.


Sessione B)

1°)  7x6x90kg.,
2°)  9x5x97.5kg.,
3°)  8x4x105kg.,
4°)  9x6x92.5kg.,
5°)  9x5x100kg.,
6°)  9x4x105kg.,
7°)  7x3x110kg.


Sessione C)

non eseguita nella settimana 21/27 aprile,
1°)  raw: 1x3x100 + 1x3x105 + 2x2x120 con board media/bassa + 2x1x130/135 board media + 2x2x120 boards media/bassa + 2x3x107.5kg.,
2°)  geared: 2x1x140 su boards + 3x1x140kg. al petto -
      raw: 3x2x110 + 3x3x105kg.,
3°)  geared: 1x140 board + 4x1x140/142.5kg. al petto,
4°)  raw: 1x3x105 + 1x2x110 + 3x1x115/117.5 + 3x2x110 + 3x3x105 + 1x4x100kg.,
5°)  geared: 2x1x140 su boards + 3x1x140/145kg. al petto -
      raw: 2x2x110/115 + 3x3x105/107.5 + 1x4x102.5kg.,
6°)  geared + raw da eseguire sabato 7 giugno.


Nella settimana precedente la gara saranno svolti 2 workouts di scarico, lun. 9 e mercoledì 11 giugno oppure uno solo il martedì 10giugno; il mio gruppo di gara è previsto in pedana nel pomeriggio di domenica 15 giugno.

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Giu 10, 2014 10:10 am



aggiorno riguardo le sessioni di allenamento più recenti.

sabato 7 giugno ho effettuato l'ultima seduta equipped a "Le Cupole": dopo il solito warm up raw, concluso con una singola a 115kg., ho indossato la maglia ed eseguito 2 singole di attivazione geared su board, rispettivamente, di 5 e 3 cm (infilate nel cintino e quindi più alte sul torace rispetto al loro spessore) con 140kg.; poi 4 singole al petto con 140/142.5kg.;quindi, tolta la maglia, 1x2x110kg. e 1x3x105kg. raw.

lunedì 9 giugno: sessione raw al Center Line con 1x2x110 + 5x2x112.5kg.

mercoledì 11 giugno (domani): conterei di svolgere l'ultima seduta, di scarico, in assetto raw con 5x3x105kg.


In altre occasioni,nella settimana che precede la gara,ho svolto un'unica seduta di allenamento; in questo caso, essendo prevista la mia gara alla domenica pomeriggio, ho preferito pianificare uno scarico progressivo in due sedute (3 contando quella geared di sabato), distribuite tra lunedì e mercoledì, per non far trascorrere troppi giorni senza stimolo allenante e, nel contempo, diluire la conclusione del programma con maggior gradualità.


Partirò alla volta di Bolzaneto (GE) dalla prima mattinata di venerdì, così da giungere in tempo nel pomeriggio per arbitrare i raw maschili della categoria -93kg.; sarò nuovamente in terna arbitrale nella mattinata di sabato, per il gruppo donne -57kg., poi mi dedicherò alle fasi di preparazione e riscaldamento dei due Tony's che avrò in gara nel 3° gruppo della giornata, cioè i raw +93kg.
Domenica sarò capopedana nella gara di panca delle donne e juniores maschili, poi farò assistenza ad Alessio e cercherò contemporaneamente di riscaldarmi, fidando nell'aiuto di qualche volenteroso tra i miei.  Very Happy

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
berserk

avatar

Messaggi : 1072
Data d'iscrizione : 05.06.11
Età : 40
Località : Frosinone

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Giu 10, 2014 11:11 am

Mister chi abbiamo in gara?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Giu 10, 2014 11:40 am

berserk ha scritto:
Mister chi abbiamo in gara?


per il "Bertoletti" di panca siamo io ed Alessio, per quanto riguarda il trofeo raw abbiamo 2 atleti nei +93kg.: Maurizio, il master 2 che ha fatto il trofeo raw di stacco ed ora è all'esordio nella gara completa e Dario che ha fatto due gare FIBAt ed è al suo esordio assoluto in FIPL; tra le donne toniche la gara raw la fa solo Monica, la master che porta Violanti.
Doveva esordire pure Claudio jr (che ha gareggiato nella panca FIBAt che abbiamo organizzato a Manziana con 110/71kg.) ma si è infortunato, mentre Francesco non ha ancora domato la nuova SuperKatana.
Chiaramente ho evitato la competizione a tutti i più esperti che avevano fatto entrambe le competizioni federali precedenti (Assoluti di stacco e di pl) e puntano alla Coppa Italia oppure hanno gare internazionali prima (Sara e Damiano).

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Gio Giu 12, 2014 10:02 am




Il trofeo Bertoletti inizia da oggi: nel pomeriggio sono in gara i raw -74kg.
Domani mattina molto presto parta alla volta di Genova; devo trovarmi sul luogo di gara in tempo per le operazioni di peso degli uomini raw -93kg. che dovrò arbitrare.
Le giornate che mi riguardano più da vicino, tuttavia, sono quelle di sabato e domenica, dove sono racchiuse la gara mia e quella dei 4 Tony's.

Nei giorni scorsi mi era balenata un'idea malsana, che solo in questi 3 giorni ed in prossimità della tarda mattinata di domenica valuterò quanto concretamente perseguibile ed attuabile.  Twisted Evil 
Il punto è questo: detengo il record master II della categ. -66kg. con kg. 145.5 e master I, stessa categoria di peso, con kg.147.5.
Difficilmente sarò in grado di far meglio dopo mesi di allenamento e stress continuo e diverse competizioni in successione, inoltre i records già li detengo e batterli non è come conquistarli; si aggiunga che la gara non assegna il titolo Italiano e la classifica a wilks quest'anno non mi vede certo favorito.
Al contrario, il record italiano master II della categoria -74kg. è vacante;  Rolling Eyes  esiste uno standard da superare, ovviamente, trattandosi di record assoluto ma ampiamente alla portata in assetto attrezzato: così, nei meandri della mia mente contorta, congetturavo che avrei potuto presentarmi appena oltre il limite minimo di categoria, ad esempio a kg.66.1, per tentare di stabilire il nuovo record nazionale già con la prima prova "coperta", riservando poi ai successivi tentativi il gusto di provare del mio meglio senza avere comunque troppo da perdere.
Attualmente, senza sacrifici e restrizioni alimentari di sorta, peso circa 64kg. e normalmente perdo 1kg. al momento della competizione ed anche di più se occorre essere leggero per ragioni di classifica ma nulla mi impedisce di provare la strada opposta non avendo obiettivi di punteggio particolarmente importanti.
Vorrei però che ciò avvenisse quasi naturalmente, ovvero mangiando e bevendo di più in questi giorni di vigilia senza sforzarmi; insomma, non vale certo la pena ingozzarmi per aumentare il bw o presentarmi sulla bilancia gonfio per aver ingerito 2litri d'acqua minerale e pronto a scappare al bagno.  Shocked 
L'unica sarebbe deliziarmi di specialità liguri a partire da domani, quando alloggerò in una locanda tipica sita in un palazzetto d'epoca e far in tal modo morire di invidia chi deve sottoporsi a sacrifici non indifferenti per rientrare nel peso.   Twisted Evil 

Diciamo la verità, stabilire e detenere record in due categorie in contemporanea mi farebbe sentire un po' come quei pugili, il cui peso personale consente di combattere indifferentemente nei leggeri, superleggeri e welter; vedremo se al dunque il fatto di lievitare mi spaventerà, inducendomi a tornare su strade più consuete e battute o se invece mi ispirerò a Roberto Duran, alias mano de piedra come rivisitato da Tonymusante, aka panca o panza de pietra!!  lol!

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
lazy



Messaggi : 879
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 40
Località : PT

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Gio Giu 12, 2014 10:54 am

E allora è proprio il caso di dire... magna e spigni  rock
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Gio Giu 12, 2014 11:25 am

lazy ha scritto:
E allora è proprio il caso di dire... magna e spigni  rock



 bounce Exclamation 

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Giu 17, 2014 12:54 pm




Come da programma, venerdì di buon mattino parto alla volta di Genova, così da arrivare puntuale per la gara dei raw -93kg.,  che dovrò arbitrare nel primo pomeriggio.


A sera inoltrata mi devo recare  in albergo e qui ha inizio la parte più pittoresca della mia trasferta.
Avevo preferito rinunciare all’hotel convenzionato proposto dall’Organizzazione ed avevo scelto una struttura caratteristica, posta ai piedi del monte che conduce a Sant’Olcese, quindi distante pochi chilometri dal luogo di gara, e situata in un palazzetto d’epoca, limitrofo ad un parco esteso ed il cui nome era di per se accattivante: la Locanda del Cigno Nero.
  Twisted Evil  
Appena giunto trovo i cancelli inspiegabilmente chiusi ma non ermetici ed un pertugio è transitabile a piedi; la hall è illuminata ma non vi si scorge anima viva; dalla cucina si affaccia un tipo che si offre di aprirmi l’ingresso per la macchina: devo percorrere un breve tratto irto e tortuoso che apre ad un vasto parcheggio nella radura  attigua al parco, dove mi trovo soltanto io.  batbanana  Per rientrare in albergo devo girare intorno ad una torretta e scorgo un’insegna di legno antico su cui è raffigurato il logo inquietante che da il nome alla locanda: il cigno nero.  What a Face 
Mi assegnano quella che sarà la mia stanza che, ovviamente, è sprovvista di numero ma possiede un nome: la “stanza della neve”.   pale  
Chiedo di cenare e vengo accompagnato in una vasta sala da pranzo dove tutti i tavoli sono inspiegabilmente apparecchiati, pur  essendo io l’unico avventore forse…avventato.   Shocked   E’  piuttosto insolito consumare un pasto a base di entrecote, insalata mista e caffè seduto solitario in un tavolo da 6 con intorno i candelabri antichi, mentre al di fuori  avverti la sensazione, magari errata, che nel immenso parco qualcuno stia inspiegabilmente scavando una profonda fossa…chissà per chi!
 affraid 


La nottata trascorre tranquilla e mi sveglio all’alba per il cinguettio degli uccellini alla finestra.
Alle  7.30 sono al PalaDiamante per procedere alle operazioni di peso delle donne raw -57kg. ed il mio antico maestro Enrico Violanti, che ha accompagnato un’atleta tesserata per la mia squadra che arriverà seconda, è già lì, come vi avesse trascorso la notte,  Surprised  aggirandosi nel backstage con un camice bianco ed un auscultometro in tasca:  scratch  bene, ora il dubbio che mi assale è se, dalla locanda fino qui, i pazzi siamo due oppure lui sia semplicemente il medico competente assegnatomi alla bisogna!.
:screwy:


Nel pomeriggio i miei due Tony’s sono in pedana a comportarsi più che egregiamente. Maurizio, 55 anni e 99kg., ha iniziato 6 mesi fa e stabilisce tutti i record master II raw della cat. -105kg. all’esordio in gara completa: 190kg. di squat (200 giudicati pari), 120kg. di bench (130 falliti in chiusura), 245kg. di stacco e quindi 555kg. di totale, con ampio margine.  bounce 
Dario, il nostro gigante di 192cm. è appositamente dimagrito a 110kg. e con kg.622.5 (205/152.5/265), si piazza al 6° posto su ca. 25 atleti dei +93, al suo esordio assoluto in FIPL; pure per lui, attrezzandolo, ne vedremo delle belle.   Wink 



Siamo alla domenica ed è il giorno della bench press mia e di Alessio che purtroppo, in questa occasione, uscirà di gara, per una condotta a mio modesto avviso abbastanza sconclusionata, riguardo alla quale ho, tuttavia, lasciato campo libero.

Come già scritto ho deciso di valicare il limite di categoria e presentarmi nella -74kg. in quanto è colà vacante il record master II di bench press, con uno standard minimo fissato a 125kg. Per raggiungere l’obiettivo in modo indolore e con il minimo sforzo ponderale, alla sera precedente mi sono prodotto in ampie libagioni, sempre nell’ormai famigerata locanda, a base di tortelli alle ortiche in salsa di mandorle, patate arrosto ed insalata, pane casareccio, birra e gelato al liquore.  drunken  La mattina dopo, abbondante colazione con lieviti freschi, quindi durante la giornata pizza e ca. 1litro e ½ d’acqua: tutto ciò mi consente appena di oltrepassare l’ingresso fatidico nella nuova categoria, registrando sulla bilancia kg. 66,13 ovvero 1 etto ca. per tagliare il traguardo del bw più alto mai realizzato in gara in tutta la mia lunga storia atletica.
 Exclamation 
Sono  un po’ gonfio ma la maglia è stipata a dovere: una volta indossata, con l’aiuto di Dario ed Alessio, eseguo 3 alzate tutte con il peso d’ingresso in gara a boards progressivamente più basse, onde facilitare la sistemazione ottimale della SuperKatana lower cut collar tg. 36, giunta alla sua 4^ competizione.
Sono in pedana con 140kg.; sarebbe un’entrata comoda, non avendo assilli di prestazione o di classifica ma, non essendo ancora sceso con il bilanciere al petto ed essendo leggermente più massiccio, la fase eccentrica sembra lenta e difficoltosa; forse è un’impressione o forse no ma, dopo il press, salgono velocemente con una frenata solo nel finale; era più difficile trovare il giusto setup iniziale che eseguire l’alzata, comunque ormai il ghiaccio è rotto: nuovo record italiano master II e siamo in gara.
In seconda prova ho chiamato 145kg. e le ragioni sono identiche a quelle su esposte; mi sono potuto permettere un’entrata coperta e posso affrontare un incremento alla mia portata in condizioni di relativa freschezza: il setup stavolta è più facile, la maglia è calzata, scendo meglio e parto veloce; forse (mi dice Alessio) impugno con una leggera asimmetria tra le due mani e ciò mi provoca un’indecisione a metà traiettoria ma non c’è un’ impasse, reagisco subito e chiudo.
Il problema dell’impugnatura lo spiego: mi sono reso conto che con l’indice al limite degli 81cm. rischio qualcosa nei lockouts, per cui preferisco posizionarlo appena all’interno dell’anello.
Mi sento bene, non ho dolori, sono carico ma al tempo stesso per niente ansioso:  Basketball  chiamo 150kg. perché alla fin fine non avrei altri traguardi intermedi.
Sono sdraiato in terza prova ed eseguo tutti i controlli di rito; l’impugnatura questa volta è simmetrica, i piedi e le gambe all’angolo voluto, i glutei contratti e le scapole addotte, il bilanciere perpendicolare  sul naso; stacco, sono fermo  ed il “via” sembra tardare; scendo in modo controllato perché non devo avvertire un peso insolito sul petto, resto in tensione perché so che l’unica strada è essere reattivi; poi il “press” e parto veloce, quindi rallento ma in questa occasione sono arrivato più in alto delle altre volte, i polsi sono ancora perpendicolari sull'avanbraccio, l’asimmetria tra le braccia è contenuta; sento Nadotti che da dietro mi incita, vivo la traiettoria attimo per attimo ma capisco che avrei chiuso.
Arriva il “giù”, mi alzo e guardo le luci: sono 3 bianche come nelle due prove precedenti: è il mio personale di sempre, 150kg. raggiunti proprio al termine di un lungo periodo di preparazione che temevo mi avrebbe lasciato stremato, nella gara in cui fino a 20gg. fa avrei creduto di meno.
 cheers 

A mia memoria non ricordo un’altra gara equipped ufficiale in cui abbia raccolto 3 valide con 9/9 di giudizio; l’ultima volta rimonta al Bertoletti 2009, quando vinsi la categoria ma non ero geared, perché proprio allora fu istituita la prima gara raw sperimentale dell’FIPL e scelsi appunto quella modalità.
A pensarci bene, però, ...tra questo splendore di luci, di bianco, di luminoso, pure in questa trasferta qualcosa c’era di buio, di cupo, di fosco, di oscuro che mi aveva accompagnato……  bananainblack 

"IL CIGNO NERO"!!!!!

Che sia lui ad avermi portato fortuna??  
 lol!

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...


Ultima modifica di Tonymusante il Mer Giu 18, 2014 7:28 am, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
berserk

avatar

Messaggi : 1072
Data d'iscrizione : 05.06.11
Età : 40
Località : Frosinone

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Giu 17, 2014 1:45 pm

Grande Giovanni!...collezione di record da aggiornare  cheers 
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Damiano91



Messaggi : 290
Data d'iscrizione : 30.08.12
Età : 26
Località : Pomezia

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mar Giu 17, 2014 2:13 pm

Senza parole! Sono contentissimo per te, immenso Giovanni!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mer Giu 18, 2014 11:20 am

berserk ha scritto:
Grande Giovanni!...collezione di record da aggiornare  cheers 

Damiano91 ha scritto:
Senza parole! Sono contentissimo per te, immenso Giovanni!



grazie ragazzi  rope 

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
lazy



Messaggi : 879
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 40
Località : PT

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Gio Giu 19, 2014 11:41 am

Mi accodo alle congratulazioni per una grande prestazione, nonchè per un bellissimo resoconto, ed esprimo, dato che sono a dieta risicata, anche un po' di invidia per le cibarie, che così ben inserite a "condire" la narrazione... mi han fatto venire l'acquolina! Entrecote, pizza, lieviti freschi  Question , tortelli alle ortiche in salsa di mandorle... io avrei tirato il collo anche al cigno nero!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Gio Giu 19, 2014 12:12 pm

lazy ha scritto:
Mi accodo alle congratulazioni per una grande prestazione, nonchè per un bellissimo resoconto, ed esprimo, dato che sono a dieta risicata, anche un po' di invidia per le cibarie, che così ben inserite a "condire" la narrazione... mi han fatto venire l'acquolina! Entrecote, pizza, lieviti freschi  Question , tortelli alle ortiche in salsa di mandorle... io avrei tirato il collo anche al cigno nero!!!!


ahahah Davide, mi mancava il tuo intervento che ormai considero un must per ogni thread che apro  Laughing 
Il cigno nero però non si poteva toccare perchè si è rivelato un prezioso portafortuna e lo suggerisco a tutti coloro che vorranno andare a gareggiare in Liguria.  rock 
Grazie per i complimenti  Wink 

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mer Giu 25, 2014 1:22 pm


Dopo una settimana scarsa di completo riposo necessario a ritemprarmi, ho ripreso gli allenamenti venerdì scorso ma la meta è molto lontana, dal momento che - come noto - non affronto da atleta gare complete, che invece seguo e vivo in qualità di trainer dei Tony's  Very Happy : l'obiettivo dunque diventano gli Assoluti di bench press di fine anno, in programma a Terni a metà dicembre.
Eccettuato un periodo interlocutorio registratosi durante il primo semestre del 2012, i miei programmi sono di solito intervallati da non più di 7 gg., al termine di cicli pluri mensili di allenamento costante.

Non mancherò di comunicarvi novità e di postare, non appena disponibile, il video della mia prova di gara al trofeo Bertoletti.
Goodlift a tutti.  Wink 

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mer Lug 02, 2014 2:03 pm




.....ma per intanto, ecco a voi:

il CIGNO NERO 


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]



tratto dall'omonimo film  lol! 


 [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mer Lug 16, 2014 12:52 pm



Ormai è trascorso un mese dalla gara di bench press e chiaramente la preparazione è ricominciata.
Di solito affianco questa attività agonistica a quella di coach dei tony's,  Laughing  ai quali cerco di dare precedenza, se non altro perché al contrario mio eseguono gare complete.
Si consideri il fatto che gli impegni che mi sono assunto nell'ambito del pl (ora) e dello sport agonistico (in generale) sono molteplici, da quelli di coach, di arbitro, di referente di team, di consigliere federale fino a quelli meno codificati e che si estrinsecano nell'attività tecnica e di comunicazione, come ad esempio quella che svolgo nei fora; di conseguenza tenere un diario aggiornato su tutti i miei allenamenti sarebbe problematico, oltre che - ritengo - abbastanza noioso e del tutto superfluo per gran parte di voi.   Smile   
Ciò non vuol dire che non mi alleni, secondo gli abituali schemi da 3xweek nei quali mi sono standardizzato, poichè si incastrano bene con i diversi impegni, consentono una buona mole di lavoro e un sufficiente grado di recupero, nel quale come ovvio comprendo la necessità di preservarmi per quanto possibile da fastidiosi infortuni e avvilenti stop forzati della preparazione.

Insomma, tutto ciò per dirvi che dopo una rituale settimana di riposo dal trofeo Bertoletti (anzi, in questo caso, soli 6 gg.), ho ripreso ad allenarmi con obiettivo gli Assoluti di bench press in programma a dicembre, che costituiscono anche la prossima nonchè ultima gara stagionale 2014 del Tony bench presser.  Cool 
Davanti a me ho un periodo molto lungo di un intero semestre, quindi ampia possibilità di sbizzarrirmi sui micro-macro-meso aventi ad oggetto la mia lift preferita: il programma si struttura con 3 mesocicli portanti abbastanza simili tra loro, ciascuno costituito da 5 microcicli settimanali più un microciclo di scarico ed un quarto mesociclo competitivo di 6 microcicli ed uno di scarico, per un totale di 25 settimane.
Il planning generale che ho stilato prevede 3 sessioni settimanali ed ognuna comprende al proprio interno questi elementi, almeno per i primi 3 mesocicli:

a) alzata di gara (bench press),
b) esercitazione ausiliaria specifica,
c) esercitazione ausiliaria sugli antagonisti da effettuare con un multiarticolare,
d) esercitazione ausiliaria aspecifica sinergica o generale,
e) esercitazione complementare generica o d'isolamento.

A grandi linee la struttura delle sedute con la scelta dei relativi mezzi allenanti, sempre nei primi 3 mesocicli, rispetta la seguente scansione:


I sessione
a) bench press
b) bench press close grip/ floor press/shrugs su panca con isometriche
c) rematore manubrio o bilanciere,
d) squat/h. squat/front squat
e) core training

II sessione

a) bench press,
b) bench incline/ b. press con pausa prolungata al petto/b. press con catene di sovraccar.,
c) trazioni alla sbarra,
d) ginnastica toracica,  
e) calf raises.    


III sessione  
a) bench press,
b) parziali al rack/board press raw/board press geared,
c) stacchi da terra,
d) shoulder press/push press/ extrarotatori,
e) curl bicipiti/inverse curl.

In ogni microciclo settimanale si ripete la successione delle sedute, mentre ad ogni mesociclo cambia l'esercitazione di assistenza specifica all'alzata principale e qualche esercitazione complementare.

Questo nel complesso; in un prossimo post riporterò lo sviluppo del programma relativo alla bench press e il dettaglio di sets e ripetizioni per gli altri esercizi.
...Sempre se avrete voglia di leggerlo e senza impegno alcuno.   Wink

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
lazy



Messaggi : 879
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 40
Località : PT

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Mer Lug 16, 2014 1:41 pm

in attesa di study 
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonymusante
Admin
avatar

Messaggi : 1466
Data d'iscrizione : 06.09.10
Età : 54
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    Ven Lug 25, 2014 12:29 pm




Al termine del I mesociclo base del programma attuale, dopo circa 1 mese dall'inizio della nuova preparazione, vi relaziono su come è stato svolto nel dettaglio di serie, ripetizioni e carichi.
Comprendeva al suo interno 5 microcicli settimanali, ciascuno di 3 sessioni, più una introduttiva generica, per complessive 16 sedute di allenamento.
L'impianto e la suddivisione di mesocicli, microcicli e singole unità ricalcherà più o meno la stessa struttura e durata per l'intero macrociclo, chiaramente con elementi e modalità parzialmente diversi a seconda della caratterizzazione da assegnare a ciascuna fase temporale del planning.

Questo I mesociclo aveva l'intento di costruire le fondamenta del nuovo programma, ricalcando l'intelaiatura di macrocicli delle stagioni passate ma con opportune modifiche, aumentando gradualmente i carichi e con mezzi ausiliari di potenziamento generale dei distretti muscolari interessati.
Le 3 sessioni di bench press erano ripartite in light - medium - heavy, in questo medesimo ordine di successione nel microciclo, per eminente scelta pratica; in ognuna erano effettuate 15 serie di bench press, al netto del warm up e 5 serie di lavoro ausiliario, per un totale di 20 serie di allenamento su panca a varie modalità.

- la sessione light, generalmente del lunedì, incentrata su 9/10 ripetizioni a recupero </= ai 2', ha avuto uno sviluppo in termini di carichi sollevati dai 50 ai 57kg.; alle 15 serie di bench press seguivano 5x8 di panca ad impugnatura medio stretta con carichi pure superiori, fino a 70kg. e recuperi maggiori.
Le altre esercitazioni prevedevano gli stacchi da terra, in modalità convenzionale in 5x5, l'h. squat alla macchina in 4x8, il curl bicipiti in piedi con bilanciere in 5x8/12 e, talvolta, il crunch per l'addome (spesso estemporaneamente inserito ove possibile);

- la sessione medium, di solito inserita di mercoledì, incentrata su 6/7 ripetizioni a recupero variabile tra i 2' ed i 3', ha avuto il proprio sviluppo di carichi tra i 73 e gli 80kg.; dopo le rituali 15 serie, svolgevo un 5x6/8 di panca inclinata a 30/45° a carico oscillante nella seduta ma crescente nel corso delle settimane.
I restanti lavori prevedevano 5 serie di trazioni alla sbarra con impugnatura in supinazione mediante ladder, i calf raises in 5x12/15, extra rotatori al cavo e pull over respiratorio;

- la sessione heavy, che aveva perlopiù luogo al venerdì, incentrata su 3/4 ripetizioni con recupero spesso superiore ai 3', ha visto uno sviluppo dei carichi tra i 96 ed 102kg. (esattamente compresi gli estremi); alle 15 serie di bench press su panca regolamentare ne seguivano altre 5 in traiettoria parziale sulla seconda parte del movimento di distensione, da eseguire al rack ai pin tra 6 ed 8 Powertec, con carichi sempre superiori ai 100kg. per ca. 5/6 reps.
Nel corso ulteriore della seduta qualche serie di squat, 5x8 di rematore con manubrio singolo, alcune serie di inverse curl con il bilanciere EZ e del lavoro per il core.

Come si può notare, i carichi relativi alla lift principale crescevano in misura pari ca. a 1,5 kg. per seduta "verticale", ovvero prendendo in considerazione ogni sessione light, medium o heavy del microciclo rispetto all'equivalente di quello che precedeva.
Su di una simile impostazione, come già cennato, si fonderanno pure i successivi mesocicli per quanto riguarda lo sviluppo di ripetizioni e carichi, con varianti su altri piani lavorativi ovviamente dettate dall'incedere del planning e dalle diverse finalità da periodo a periodo.

_________________
i pesi pesano....non c'è niente che pesi quanto un peso...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Across the English Channel    

Tornare in alto Andare in basso
 
Across the English Channel
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Programma sul detailing su SKY History Channel...
» Lotus elise s2 s old english white
» Difendiamo il prodotto italiano!
» Ci hanno superato le DUSTER...
» NUVOLARI

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Powerlifting Italia Forum :: Powerlifting Italia Forum :: Diari di allenamento-
Andare verso: